L'evoluzione delle macchine calcolatrici

 

Modelli dal 1900 al 1949

Modelli dal 1950 al 1975

Contrariamente a quanto si possa pensare, il mercato delle macchine calcolatrici rimase fecondo anche dopo l'avvento dei primi calcolatori, che vedremo nella prossima sala. Anzi, in molti casi il fiorente mercato delle macchine calcolatrici permise alle societÓ di investire cifre ingenti nella ricerca e nello sviluppo delle nuove apparecchiature "pensanti".
Le macchine calcolatrici si avvantaggiarono comunque delle nuove tecnologie utilizzate nei calcolatori, pur rimanendo delle macchine incapaci di eseguire programmi di tipo differenziato.

william Burroughs

logo Burroughs
William Burroughs

Se in Italia l'Olivetti fece da padrona (nel 1950 arriv˛ a detenere oltre il 90% del mercato), negli Stati Uniti molte furono le societÓ in concorrenza per accaparrarsi il mercato di questi apparecchi: fra queste spicca la Burroughs, fondata da William Seward Burroughs (1857-1898) nel 1886 con l'unico intento di vendere macchine calcolatrici (altre societÓ, come la IBM, avevano invece un catalogo di prodotti differenziato).

Il nostro Museo dispone di una vasta collezione di queste interessanti macchine da calcolo, divise per periodo di apparizione sul mercato. Molte di queste sono accompagnate da inserti pubblicitari, presi da riviste dell'epoca.

calcolatrice muldivo
Calcolatrice con operatore